Privacy Policy News – Associazione Nazionale Alpini
  • +39 049 603502
  • padova@ana.it

News

Colletta alimentare “dematerializzata”

Colletta alimentare “dematerializzata” dal 21 novembre all’8 dicembre

12 Novembre 2020 0 4055

A causa delle norme sanitarie imposte dall’emergenza Coronavirus, quest’anno la Colletta alimentare si terrà unicamente in modalità “dematerializzata” dal 21 novembre all’8 dicembre: le persone saranno invitate ad acquistare, al posto dei generi alimentari, delle “Carte regalo”, disponibili alle casse dei supermercati e corrispondenti a quantità di un paniere di prodotti. Successivamente il valore di queste “Carte regalo” verrà trasformato in cibo e consegnato alle sedi che gestiscono la distribuzione ai più bisognosi.

La “Carta regalo” in tagli da 2, 5 o 10 euro, è acquistabile anche on line fino all’8 dicembre sul sito www.collettaalimentare.it

Il 28 novembre, Giornata della colletta alimentare, a seguito alle limitazioni alla mobilità decise dal Governo nel Dpcm di ottobre per contenere la diffusione del virus, davanti ai supermercati delle zone rosse e arancioni non saranno presenti né alpini, né altri volontari. Nelle zone gialle gli alpini invece ci saranno, opportunamente distanziati e in numero ridotto, per invitare chi entra nei supermercati a donare, spiegando la particolare modalità di raccolta di questa edizione.

Sul sito del Banco alimentare si può donare tutto l’anno con carta di credito e PayPal: www.bancoalimentare.it/it/donaora

L’ A.N.A SI DISSOCIA

4 NOVEMBRE 2020

COMMEMORAZIONE 4 Novembre eseguite da parte dei gruppi in forma ridotta causa covid-19 e solo su esplicito invito da parte dei Sindaci

Comunicato ANA

Ricorrenza Monte della Madonna

100 ° Anniversario Fondazione Sezione di PADOVA

Panettone e Pandoro 2020 degli Alpini

Oltre l’acquisto per sè, il panettone e pandoro possono diventare un semplice, simpatico ed originale regalo di Natale per parenti, amici e conoscenti ai quali ogni anno si riserva un dono.

MONTE PIANA Per non Dimenticare

In ottemperanza alle vigenti disposizioni per l’emergenza dovuta al Covid-19, la cerimonia commemorativa che avrà luogo GIOVEDI’ 30 LUGLIO dalle 10 a MONTE PIANA sarà molto limitata nelle presenze e nel cerimoniale. Sarà, quindi, limitata nelle presenze e nel cerimoniale. Ma le Sezioni ANA Cadore e Padova non potevano dimenticare l’annuale gesto di ricordo e riconoscenza verso TUTTI i Caduti sul “Calvario del Cadore”, italiani ed austroungarici, e del Magg. Angelo Bosi che lì comandava il 55° Rgt di fanteria della Brg Marche. Nei 29 mesi di cruente battaglie per la conquista del pianoro strategico, dal 24 maggio 1915 allo scoppio della Grande Guerra fino al 27 ottobre 1917 quando dopo Caporetto tutto il fronte arretrò dal Monte Grappa al Piave, fanti bersaglieri e alpini tennero testa con tenacia, coraggio e sacrificio ai kaiserjager che combatterono “fur Gott, fur Kaiser und Vaterland”. Numerosi gli esempi di eroismo per le azioni belliche ma anche alpinistiche, se ricordiamo tra gli altri gli alpini S.Ten. Antonio De Toni eTen. Giuseppe De Pluri, ma anche la guida tirolese Sepp Innerkofler, e la sua pattuglia volante, caduto per la vana conquista del Monte Paterno il 4.7.1915 . La vera storia è ricca di episodi non solo cruenti di lotta, ma anche di umana solidarietà fra uomini che condividevano quelle montagne e che la guerra decisa da “qualcuno” rese nemici.Una cerimonia “… per non dimenticare” voluta, anche se in forma ridotta, nella “…bellezza … delle cime di contorno, che è un tutt’uno con la bellezza dei sentimenti che animano gli organizzatori …, e che hanno ispirato anche la bellezza di testimonianze nazionali come l’Altare della Patria (ispirato dal Sorapiss..), la bellezza del sentimento di Patria” come disse lo scorso anno Elisa Venturini, consigliere della Provincia di Padova, intervenuta alla commemorazione dello scorso 21.7.2019.Il Museo all’aperto sul pianoro del Monte Piana, manutenuto annualmente dagli “Amici del Monte Piana” col supporto logistico del 6° Rgt Alpini di Brunico, offre eloquenti ed emozionanti testimonianze di quanto è avvenuto sul “Monte del pianto”, come definito dai soldati austriaci…Ripercorrere quei sentieri, quelle tracce ancora vive guidati da Antonella Fornari, alpinista e scrittrice, da sempre ispiratrice della cerimonia del Monte Piana, è un’esperienza che lascia una traccia indelebile nella memoria storica, naturalistica e sentimentale.

Todesco Gianni

Il Presidente della Sezione Padovana dal 2000 al 2007 ha posto lo zaino a terra ed è entrato nel paradiso di Cantore .

Dobbiamo per volere di questo Presidente se oggi abbiamo la nuova sede Alpini di Padova in Via Bajardi

Assemblea Delegati Sezionali 2020